Il corso di Fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva è inquadrato tra le discipline del Disegno che sono accomunate dall’obiettivo di trasmettere allo studente i principi e le tecniche relative alla rappresentazione.

Il corso si pone l’obiettivo di fornire all’allievo conoscenze in merito:

  • ai principi teorici (fondamenti di Geometria proiettiva grafica e metodi di rappresentazione della Geometria descrittiva), alle tecniche, ai procedimenti, ai codici e alle convenzioni per merito dei quali è possibile sostituire alle forme geometriche a tre dimensioni una loro rappresentazione costituita da immagini a due dimensioni, affinché da tali immagini sia possibile dedurre il maggior numero di informazioni riguardanti le proprietà geometriche dell’oggetto tridimensionale di partenza;
  • alle più semplici forme geometriche dello spazio a due e a tre dimensioni (curve piane e sghembe, coniche, poliedri, quadriche e altre superfici).

Il corso serve anche a garantire che l’allievo sappia applicare  nella pratica del disegno le conoscenze teoriche acquisite in questo insegnamento, cioè che sappia:

  • applicare correttamente e con profitto i metodi di rappresentazione soprattutto mediante gli strumenti tradizionali del disegno, insieme quelli informatici;
  • far ricorso a un ampio repertorio di forme per dar corpo alle proprie idee progettuali o per eseguire un’analisi formale e proporzionale dei manufatti esistenti o per ricondurre a elementi di geometria nota le forme più complesse.

Il corso ha durata semestrale, si svolge interamente nel primo semestre del primo anno del corso di laurea in Architettura e ha una durata di 60 ore complessive tra lezioni ex cathedra ed esercitazioni in aula, corrispondenti a sei CFU (crediti formativi). La prima sessione per sostenere il relativo esame è quella di febbraio 2019.